Cos’è il SEO? Significato

L’acronimo SEO si riferisce a Search Engine Optimization , che in italiano si traduce come ottimizzazione dei motori di ricerca .

Conosciuta anche come posizionamento su i motori di ricerca , la SEO consiste nel creare contenuti e migliorare il tuo sito web in modo che sia il più attraente possibile sia per Google che per i tuoi potenziali clienti.

L’obiettivo è quello di apparire per primo nella pagina dei risultati quando un consumatore cerca qualcosa correlato a ciò che vendi o consigli.

La SEO è il miglior strumento di marketing per attirare le visite al tuo sito web.

Se non hai nozioni SEO, il tuo contatore delle visite rimarrà basso rispetto alle molte ore che investi sul tuo sito web. 

La concorrenza su Google è agguerrita e la differenza tra il tuo sito web che appare sulla prima pagina o che rimane perso nella vastità di Internet è abissale.

I vantaggi della SEO sono incalcolabili.

A differenza dei sistemi di pagamento come SEM o Facebook Ads, da solo è in grado di fornirti tonnellate di traffico gratuito e trasformare completamente il tuo progetto digitale.

Ma padroneggiare le chiavi del posizionamento SEO non è complesso . In effetti, è molto più semplice di quanto sembri.

guida posizionamento seo
guida pratica al posizionamento seo su google

Ho scalato ogni tipo di business online per anni, creando progetti digitali che attirano centinaia di migliaia di visitatori al mese, e voglio confessarti una cosa: anche se molte persone cercano di renderlo più complicato di quello che effettivamente è, la SEO è solo buon senso.

Quindi in questa guida ti svelerò TUTTO ciò che devi sapere per padroneggiarne le chiavi per posizionare al meglio le tue pagine web senza bisogno di diventare un esperto.

Cos’è il posizionamento SEO?

SEO consiste nella creazione e nell’ottimizzazione dei contenuti in modo che siano più visibili nei motori di ricerca Internet come Google.

La storia del SEO

Fino alla comparsa dei primi motori di ricerca all’inizio degli anni ’90, l’unico modo per trovare informazioni su Internet era digitare l’indirizzo della pagina nel browser o cercare nelle directory.

Queste directory erano tenute da persone che si dedicavano alla classificazione delle pagine web che trovavano e non ci permettevano di cercare contenuti per parole o frasi come facciamo oggi.

Quando il motore di ricerca di Altavista è apparso a metà degli anni ’90 , è stata una vera rivoluzione. Utilizzando un programma tracker (chiamato anche robot ), cercava costantemente contenuti su Internet e li memorizzava nel suo indice.

altavista uno dei primi motori di ricerca
Il motore di ricerca Altavista

Quindi, gli utenti potevano trovare quel contenuto effettuando una ricerca nel sito Web di Altavista.

Siamo rimasti così per alcuni anni, fino a quando un giorno Google è arrivato e ha distrutto tutta la sua concorrenza .

L’ascesa inarrestabile di Google

Il problema con i motori di ricerca come Altavista è che potevano essere facilmente ingannati, perché i loro criteri per decidere quali pagine web visualizzare erano semplici quanto il numero di volte in cui una certa parola veniva ripetuta nel testo.

Così, il proprietario di un sito web che voleva apparire in Altavista ogni volta che un utente digitava “gatto siamese”, per esempio, doveva solo ripetere quella parola più volte nel testo della sua pagina.

Google ha ritenuto che questo non fosse un buon modo per offrire i migliori risultati agli utenti, quindi ha cercato un altro modo per classificare le pagine web in base alla loro qualità:

collegamenti .

L’idea era semplice: che una parola fosse apparsa molte volte non significava che il contenuto fosse migliore, ma se altri siti web si collegavano a quella pagina, probabilmente era perché lo consigliavano.

E questo era sinonimo di qualità superiore.

È così che è apparso Pagerank , una misura della popolarità di una pagina Web in base al numero di volte in cui è stata collegata da altri.

Nonostante il sistema non fosse perfetto e ben presto molti hanno cercato di approfittarne, la qualità dei risultati offerti da Google è stata infinitamente superiore a quella della concorrenza.

Google oggi

Nel tempo, gli ingegneri di Google hanno creato una serie di algoritmi matematici il cui obiettivo è determinare nel modo più oggettivo possibile la qualità e la pertinenza di ogni pagina web , e quindi mostrare il meglio nei primi risultati.

Il bello è che questi algoritmi sono segreti. Google non rivela quali fattori tiene in considerazione per valorizzare i contenuti, proprio perché le persone non sappiano come trarne vantaggio.

Secondo alcuni esperti, Google tiene conto di più di 200 fattori . Alcuni sono ovvi e te li mostro di seguito, ma la realtà è che nessuno, tranne Google, li conosce per certo.

Non ti stressare. Che ci siano 20, 200 o 500 parametri, l’obiettivo finale di Google è offrire agli utenti il ​​risultato più pertinente per la loro ricerca .

E questo ci fornisce sufficienti indizi per capire come possiamo ottimizzare un sito web per migliorarne il posizionamento.

Perché la SEO è importante?

Fondamentalmente perché determina in gran parte il successo di qualsiasi progetto digitale .

Non c’è mai stata così tanta concorrenza. Ogni giorno vengono pubblicati più di 3 milioni di articoli nei blog e guarda solo la quantità di risultati che appaiono quando cerco “Affiliate Marketing” :

risultati di ricerca su termine affiliate marketing

Ci sono 700 milioni di risultati in competizione!

Se riesci a comparire nelle prime posizioni dei risultati organici, sarai più visibile della concorrenza e otterrai un traffico costante e gratuito sul tuo sito web.

Altrimenti verrai sepolto nelle profondità di Google e forse ti capiterà come tante migliaia di blog e attività online che chiudono ogni anno o spendono una fortuna in traffico a pagamento.

Perché le visite, alla fine, si traducono in denaro .

Supponi di avere una pagina web in cui vendi giocattoli e che 40.500 persone cercano “giocattoli” su Google ogni mese.

volume di ricerca per termine giocattoli

Secondo diversi studi , il primo risultato organico riceve fino al 28,5% dei clic. Quindi, se riuscissi a comparire nella prima posizione organica per quella ricerca, il 28,5% degli utenti finirebbe per visitare la tua pagina.

ctr in base alla posizione di ricerca su google

Se il 2,5% degli utenti che sono giunti sulla tua pagina spendesse in media 30 euro in giocattoli, ogni mese fattureresti più di 8.500 euro grazie al traffico che Google ti sta inviando.

Senza spendere un centesimo in pubblicità.

Ora sostituisci i giocattoli con qualsiasi altra cosa che offri, come servizi di coaching, corsi di finanza, informazioni di viaggio, ricette o lezioni di yoga.

Ma la SEO non è importante solo per la vendita .

Più visite ha il tuo sito web, più popolare diventerà. Allora vedrai come iniziano a sorgere nuove opportunità che fino ad allora non avresti nemmeno sognato.

4 fattori chiave per migliorare la SEO di qualsiasi progetto

Ora sai cos’è la SEO e perché è essenziale in qualsiasi strategia di marketing digitale. Di seguito troverai gli  unici 4 fattori di cui hai bisogno per migliorare il tuo posizionamento e moltiplicare il tuo traffico .

Sì. 4 fattori, non 200. E possono essere raggruppati in fattori di  contenuto e link :

  • Contenuto: il tuo contenuto deve soddisfare una domanda esistente nel miglior modo possibile e renderlo facilmente interpretabile dai motori di ricerca. È suddiviso in domanda , intento di ricerca e SEO on – page .
  • Link: dai l’autorità ai tuoi contenuti. Se c’è molta concorrenza e il tuo contenuto non è radicalmente migliore, avrai bisogno di link esterni per classificarti.

Vediamo cosa puoi fare per ottimizzare ciascuno di essi e moltiplicare così il traffico sul tuo sito web.

Domanda: scrivere per l’utente

L’errore principale che fanno la maggior parte degli imprenditori digitali è scrivere di ciò che vogliono, dimenticando ciò che vuole il loro pubblico di destinazione.

Quindi non ricevono nemmeno una visita.

Spesso usano il blog per scrivere contenuti su se stessi, come “il giorno in cui tutto è andato bene per me” , “i miei obiettivi per quest’anno” o “come coltivare i funghi selvatici” .

Forse sono contenuti interessanti da inviare tramite newsletter agli abbonati, possono persino diventare virali sui social network, ma quello che è chiaro è che non porteranno nessun nuovo lettore attraverso Google.

Fondamentalmente, perché nessuno lo cerca.

volume di ricerca per termine coltivazione funghi selvatici

Se desideri ricevere traffico organico, devi prima assicurarti di creare qualcosa che le persone cercano su Google .

1. Scopri cosa stanno cercando gli utenti

Non devi essere un indovino per sapere cosa cercano le persone. Esistono molti strumenti, ma il più comune è lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google .

In realtà è un servizio per le aziende che fanno pubblicità su Google. Google li informa sul numero di persone che eseguono una determinata ricerca in modo che possano regolare il budget delle loro campagne pubblicitarie.

Questo è il primo passo per confermare che ciò di cui stai per scrivere è richiesto.

Ad esempio, più di 1000 persone al mese cercano ricette di pollo al limone:

volume di ricerca su termine pollo al limone

2 commenti

film · Novembre 23, 2020 alle 4:21 pm

Really enjoyed this blog. Much thanks again. Keep writing. Sunshine Siward Ibby

full hd tek parça izle · Gennaio 14, 2021 alle 4:29 am

What a material of un-ambiguity and preserveness of precious familiarity regarding unpredicted emotions. Vale Claudio Lubeck

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *